Stabat Mater Dolorosa

In questa giornata nella quale il silenzio e la tristezza regnano tipicamente sovrane, il mio pensiero non va solo a Maria, donna per eccellenza del Sabato Santo.

Quest’anno il pensiero, la preghiera e le lacrime, necessarie o eventuali, non possono che essere per tutti quelli che hanno salito il calvario dell’impietoso coronavirus.

Silenzio e preghiera per tutte quelle vittime che sono morte sole, esattamente come Gesù crocifisso. Si potrebbe obiettare che si muore sempre soli, ma le circostanze, in numero e gravità, fanno una grande differenza. L’uomo anela all’oblio: dimentica in fretta, più che può, soprattutto quello che ha procurato sofferenza. Oggi mediterò e pregherò per queste vittime e i loro famigliari, forzatamente allontanati.

Voglio confidare nella speranza che tutto questo male possa portare frutto, e sognerò che questo avvenga quando tutto sarà finito. Il seme del doloroso ricordo e del cambiamento interiore è già stato gettato tra zolle di vita innaffiate di pianto. Dovremo tutti fare memoria e tradurre questa esperienza in atti concreti in futuro. Oggi silenzio.

Bisogna trasformare in gioia tutto quello che la felicità ci rifiuta. […] vorrei soprattutto che tu avessi il minimo di calma per poter essere sofferenza alla sofferenza, speranza alla speranza. Dobbiamo inventare un nuovo tipo di presenza, simile a quella che ci è stata propria per molti mesi, in un clima di totale insicurezza. Tutto questo sarà più facile di quanto non si creda, nel corso delle giornate. Insieme dovremo rendere belle le ore che ci saranno date. Camminando per strada, poco fa, ho cercato di far gioire il mio cuore. Non è stato difficile. Mi è bastato pensare…che ogni sofferenza assunta in Cristo perde la sua disperazione, la sua stessa negatività.

(Emmanuel Mounier, Lettere sul dolore, pag. 50)

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.