Penne d’aquila

penne d'aquila_susanna polimantiQuesto libro di Susanna Polimanti è un bel viaggio interiore che, scavando in profondità e poi, emergendo da flussi di coscienza intervallati da descrizioni di avvenimenti, traccia viuzze dell’animo umano ricostruendo la mappa dei sentimenti e dei pensieri più reconditi fino ad individuare la strada maestra, la via luminosa dell’anima che conduce alla verità che ci appartiene solo se abbiamo il coraggio, come in questo libro, di riprendere in mano le esperienze che segnano il nostro cammino di vita per abbracciarle, dar loro un senso e poi lasciarle andare per elevarci spiritualmente.

Virginia, la protagonista della storia, ci conduce per mano nel suo cammino di vita senza annoiarci mai in quanto il ritmo del testo è molto veloce con uno stile chiaro che incide in profondità, usando la penna come un bisturi per scandagliare tematiche universali, perciò per il lettore riconoscibili e condivisibili.

Infine, da un punto di vista strettamente personale è stato simpatico notare tratti comuni e inaspettati: un personaggio di nome Cinzia, un viaggio a Londra per lo studio dell’inglese, la professione di interprete e traduttrice.

Come sempre non anticipo mai nulla sulla trama, vi dico solo che convivono in questa storia accenni ad angeli e un personaggio di nome Angelo…ma per sapere cosa fanno bisogna leggere il libro.

Prima di leggere la breve intervista all’autrice, sappiate che Penne d’aquila è giunto finalista al  Concorso Letterario Nazionale Un libro amico per l’inverno 2012-2013 ottenendo una menzione di merito.

Come prima cosa ti invito a presentarti ai lettori del mio blog.

Nel salutare tutti voi, rivolgo innanzitutto un affettuoso ringraziamento alla scrittrice Cinzia Cavallaro per l’ospitalità nel suo blog,Susanna-Polimanti che per me è una piacevole opportunità di presentazione personale a tutti i lettori. Sono Susanna Polimanti, interprete e traduttrice per le lingue inglese, tedesco e francese. Ho una cultura di tipo umanistico, avendo frequentato gli studi classici, fin dall’adolescenza mi sono dedicata alla scrittura sebbene abbia iniziato a pubblicare libri e racconti soltanto da pochi anni. Leggere e scrivere sono attività essenziali della mia stessa personalità, mi ritengo una donna riservata, molto positiva, amo valori quali il rispetto, la lealtà, la spontaneità, la semplicità e soprattutto l’educazione. Sono un’ottima ascoltatrice e questa mia predisposizione naturale mi spinge a condividere solidarietà, affetto ed amicizia soprattutto con persone che sento molto vicine al mio modo di essere. Sono un’appassionata della natura e degli animali da cui assorbo energia, vitalità ed ispirazione. Mi dedico allo studio e alla conoscenza di luoghi e culture, amo tutto ciò che si riferisce alla spiritualità e alla psicologia. Credo profondamente in Dio, odio l’ottusità e la ristrettezza di vedute.

Penne d’aquila mi ha fatto venire in mente, per traslato, Messaggio per un’aquila che si crede un pollo. Insomma, una spiritualità che diventa risveglio. È così anche per Virginia, la protagonista del tuo romanzo?

Cinzia, hai sicuramente colto nel segno ed hai centrato esattamente il messaggio del mio romanzo Penne d’aquila.  La protagonista Virginia, stretta e costretta da un retaggio di un’educazione patriarcale, certa di essere un “pollo”, crescendo e maturando, riesce a spezzare quei limiti che la “cementano” sulla terra, lasciando scorrere emotività e leggerezza, esce finalmente dal silenzio del cuore e rinasce, aprendosi a differenti realtà che esulano dalla normalità di un vissuto comune.

Perché questo titolo?

La scelta del titolo Penne d’aquila è dovuta alla simbologia che domina la narrazione e legata all’antica leggenda che vede l’aquila come uccello destinato a morire all’età di circa 40 anni se non scegliesse di strapparsi unghie, becco e per ultimo le penne, per rigenerarsi e continuare a vivere per altri 40 anni. Le penne rappresentano, dunque, la nuova “pelle” che permette alla protagonista del romanzo di essere finalmente se stessa e non la donna che gli altri vorrebbero lei fosse.

Quando è iniziata la tua passione per la scrittura?

La mia passione per la scrittura è strettamente collegata al desiderio continuo di leggere, fin dalla prima adolescenza ho iniziato a scrivere le mie prime emozioni, altro non erano che il risultato di quanto assorbivo da ogni mia lettura. Ero solita annotare frasi e pensieri dei vari autori, esattamente come normalmente si usa fare quando si studia; rileggendo i miei scritti scoprivo spesso di aver in realtà scritto qualcosa che  apparteneva soltanto a me. Preferisco la parola scritta alla parola verbale, le parole si perdono mentre in ogni nostro silenzio nascono scritti destinati a rimanere impressi non solo nella mente cognitiva ma ancor più nella memoria del cuore.

Quanta influenza ha avuto, se l’ha avuta, la figura di tuo padre sulla tua scrittura?

La figura di mio padre è costante nella mia vita, mai sbiadita nel tempo, neppure dopo tanti anni dalla sua scomparsa. A lui debbo la mia predisposizione alla lettura, quanto alla scrittura, credo di aver seguito maggiormente le orme del mio nonno paterno, poeta dialettale ed autore di molti saggi di pedagogia. Più che di influenza penso di poterla definire, nel mio caso, un’ autentica eredità di un profondo background culturale.

A che tipo di lettori credi sia principalmente adatto Penne d’aquila?

Sono certa che il romanzo Penne d’aquila sia adatto a lettori di ogni età e indistintamente dal sesso. Si tratta di un romanzo narrante un vissuto semplice e complicato allo stesso tempo per determinati valori fondamentali come la famiglia, l’amore, l’amicizia, il mondo del lavoro ed i viaggi, tutte esperienze essenziali per la nostra crescita personale e nella società. Ogni donna, giovane o adulta si è trovata, almeno una volta nella vita, nelle varie fasi del vissuto di Virginia.

Merita anche leggere, come io ho fatto, l’altra tua pubblicazione Lettere mai lette. Vuoi accennarci qualcosa su questo libro e come è nato?

lettere mail lette_susanna polimantiIl mio secondo libro Lettere mai lette (Ed. Kimerik), pubblicato nel 2009, è nato per pura casualità. Un giorno, mentre sistemavo le mie cose nel cassetto della scrivania, quello che di solito si chiude a chiave, ho trovato una cartella contenente delle lettere scritte durante la mia adolescenza ed alcune molto più recenti. Ho traslocato ben due volte e queste lettere sono state sempre lì, in quel cassetto, perché personalissime. Nel rileggerle, qualcosa deve avermi ispirato, così ho subito deciso di pubblicarle, togliendo le date ed inserendo un titolo per identificarne il destinatario ma soprattutto il particolare stato d’animo che mi aveva spinto a scriverle. Si tratta di lettere mai spedite e mi è sembrata una “bella cosa” lasciar disperdere nell’universo le mie parole che, prima o poi, avrebbero raggiunto finalmente il destinatario finale. Sono indirizzate a familiari, ad amici, ad amori più o meno importanti e al mio cane boxer Strauss che mi ha lasciata pochi mesi prima della pubblicazione del libro. In un momento così particolare di abitudini comunicative, quando ormai le nostre parole ed i nostri sentimenti viaggiano soltanto via sms, mail o addirittura con post e messaggi su FB, ho ritenuto importante ricordare cosa rappresenti scrivere e ricevere una lettera vera, spedita dal server del cuore, scritta su carta con tanto di penna in mano: un’emozione unica.

Quali sono i tuoi autori preferiti?

Amo soprattutto gli autori stranieri, ne cito alcuni quali: Gabriel Garcìa Marquez, Marguerite Yourcenar, Drieu La Rochelle, Virginia Woolf, Anaȉs Nin e molti altri. Ma uno in particolare non manca mai nella mia scelta di letture ed è Paulo Coelho, che adoro più di tutti gli altri. Ultimamente mi sono avvicinata molto alla lettura di autori emergenti, scoprendo tra loro dei veri talenti e mi ripropongo di continuare a leggerli. Leggo vari argomenti tranne i libri gialli ed ogni romanzo il cui stile è basato unicamente sui dialoghi.

Scrivi anche poesia?

Ho scritto molte poesie in passato, tuttora ne scrivo, soprattutto haiku, un componimento lirico scoperto da pochissimo. Ma per quanto riguarda la loro pubblicazione, posso davvero contarle sulla punta delle dita.

Progetti in campo?

Ho vari racconti già scritti da molto tempo ed altri due progetti in mente ma è ancora tutto “under construction”. C’è sempre un momento giusto per scrivere e il momento giusto per pubblicare. In questo periodo, guardandomi in giro, noto una marea di autori ed autrici che scrivono di tutto. E allora, sapete cosa vi dico, in tutta sincerità? Questa è una particolare fase in cui mi sento molto più originale nel non pubblicare. Ho un rapporto intimo con la scrittura, ho già pubblicato tre libri e vari racconti inseriti in altri libri o antologie, non vorrei cadere nel luogo comune della letteratura commerciale, che è quanto accade oggi.

Ringrazio tutti voi per avermi letta e vi auguro un’ottima giornata!

Susanna

6 commenti su “Penne d’aquila

  1. A Cinzia va il mio più affettuoso ringraziamento per le sue parole, che rappresentano non solo una recensione letteraria scritta con indiscussa maestria ma soprattutto un profondo insegnamento per tutti noi di ciò che realmente vuol dire “saper” leggere ed “interpretare” ogni nostra lettura.
    Grazie Cinzia!

    Susanna Polimanti

  2. Susanna si scopre agli altri piano, piano, attraverso i suoi scritti ma la cosa più bella è che questi scritti sono un modo per consentirle di scoprirsi prima di tutto a se stessa, in un cammino sempre in fieri. Nulla è mai definitivo e la scoperta di noi stessi è davvero sempre “under construction”. Siamo una marea bellissima che ogni volta che avanza verso la battigia lascia nuovi piccoli tesori del nostro io più profondo. Sono felice che Susanna abbia trovato nella scrittura la sua amica più cara e di più vecchia data, adatta al suo spirito riservato e solitario per quanto aperto agli altri ed al nuovo.

  3. …ed ora il mio commento a Penne d’aquila.
    Ho camminato a fianco di Susanna per anni…tanti anni e il suo racconto non solo richiama alla memoria un sentire condiviso che tocca nel profondo le pieghe della mia anima ma mi è piaciuta la soluzione di vita che ha voluto dare …il messaggio delle mille possibilità che una lettura spirituale dei nostri vissuti può regalare ad ognuno di noi. Ciò che però più mi è piaciuto nel leggerla è la spontaneità che permea ogni attimo del suo racconto: mi ha dato la sensazione di essere lì…ragazzina…con tutte quelle emozioni che connotano l’animo dell’adolescenza. Eh si, in qualche modo…in certi momenti…sono ancora lì. Grazie Susanna.

  4. Ho appena finito di leggere Penne d’Aquila, mi ha appassionato la storia di Virginia e mi sono commossa leggendo le pagine che lei dedica a suo padre e alla sua amica.
    Ho vissuto delle esperienze simili alle sue, sia nella perdita prematura di persone care che in alcune storie sentimentali.
    E come lei, arrivata ai 50 anni, mi sono rimessa in gioco, anche se in maniera diversa perchè ho delle figlie e un vissuto diverso dal suo, però ho cambiato tutta la mia vita per poter essere di nuovo me stessa, anche se questo sta richiedendo grandi sacrifici da parte mia ed anche tante delusioni, ma riprendere in mano la mia vita e gestirla mi dà soddisfazione e gratificazione, ho più rispetto di me stessa.
    Vorrei farle delle domande su alcuni paragrafi del libro, ma non so se riceve i messaggi privati che le ho inviato su FB.
    Ora vorrei leggere al più presto l’altro suo libro”Lettere mai lette” e volevo sapere se posso acquistarlo solo on-line o se è in vendita anche presso qualche libreria della sua zona.
    Consiglierò la lettura dei suoi libri anche alle mie amiche… Vincenza

    • Sono contenta che anche tu hai apprezzato il testo di Susanna.
      Lei risponde sempre ai miei messaggi, dunque penso che lo farà anche con i tuoi.
      Grazie della tua testimonianza.

      • Salve, il messaggio che ho inviato a Susanna Polimanti, non le arriva tra la normale posta privata di FB perchè non sono tra le sue amicizie…credo le arrivi sotto la voce “altro”…

Lascia un commento