Antivigilia di Pasqua

Mai venerdì sarà (forse) così Santo come quest’anno.
In questo stallo fisico è praticamente automatico pensare alla follia della nostra vita, com’è così condotta nel nostro secolo.
Il nostro delirio di onnipotenza è stato flagellato da un microrganismo letale. Tanto per ricordarci quanto siamo fragili. E ci siamo credo un po’ tutti accorti che si può essere flagellati in modo anche più subdolo e peggiore, esattamente qui e ora, come nel pretorio di Pilato nel 33 d.C.
Questa malattia cruenta e impietosa mi ha sfiorata da vicino con perdite di persone care o solo conosciute. Uno schiaffo improvviso, un colpo basso a tradimento. Un bel memento mori, preciso da Venerdì Santo.
Mi è difficile dunque, ora come ora, trovare un raggio di Luce. Un maggior bene e un senso a questa prova durissima, fisica e mentale. Mediterò in questi due giorni prima della Pasqua perché, mentre scrivo, un senso pare non esserci. Ma un insegnamento sì.