Roma, Antico Caffè Greco

Questo pomeriggio, sorseggiando un tè mentre leggevo un libro, ho ripensato al mio ultimo viaggio a Roma. Era aprile ed entrai in questo storico caffè letterario con molta 3f6291764bcbc2f22b1bf10dbe02e0f8emozione.

Avevo appena visitato la casa del poeta John Keats, a me caro e del quale conservo il ricordo della sua casa londinese a Hampstead. Ho ripensato a quell’epoca in cui gli scrittori, i poeti e gli artisti in generale erano soliti incontrarsi in un caffè e trascorrere insieme del tempo. Discutere e condividere pensieri e parole sull’arte propria e altrui.

Condividere. Parola molto attuale. Il pensiero corre giocoforza ai blog, ai social network e ai forum. Condividere. Così semplice e così immediato nel villaggio globale. Ma, spesso mi chiedo, dov’è finita la profondità, la qualità del messaggio? Il poter guardare in faccia le persone con le quali si condivide e si discorre. Scambiarsi un libro, leggere un proprio componimento. Avere dal vivo un riscontro immediato.

Ci sono momenti in cui vorrei tornare alla lentezza di quei tempi e alla loro autenticità.

Raccolta di racconti in libreria!

È con piacere che vi informo della nuova pubblicazione di racconti

 

Si tratta di un’antologia collettiva prima editata in formato e-book ed ora reperibile in libreria.

Sono racconti intensi e speciali, il cui filo conduttore è il social-network e le interazioni positive che attraverso questo strumento si possono creare. Il mio racconto s’intitola “il violinista” e sta in buona compagnia, con i racconti di Frator, Mariacristina Brettòne, Luisa Gavazza, Daniela Cologgi, Dino Izzo, Thierry59, R. R., Michele Delpiano, Susanna Buffa, Sabato Cuomo, Ermanno Cerutti.

Colgo l’occasione per ringraziare chi ha scaricato l’e-book, operazione che ci ha permesso ora di rendere disponibile il libro in libreria.

Leggetelo, diffondetelo, recensitelo, regalatelo…vi stupirà!

Potete approfondire sia sulla pagina ufficiale dell’editore che leggendo l’intervista a Sabato Cuomo che Marco Mazzanti ha pubblicato sul suo blog.

Sono tutto ciò che vedi attraverso i tuoi occhi

La nostra raccolta di racconti costa poco più di un pacchetto di sigarette, con la differenza che il fumo fa male mentre i nostri racconti fanno bene. Fanno bene anche quelli che decidono di sostenerci scaricandone una copia. Noi saremo loro immensamente grati e loro saranno allietati da racconti eterogenei, attualissimi e tutti con un collegamento ai social network. Se ci aiutate potranno poi diventare un’antologia su carta che avrete la possibilità di regalare o consigliare in libreria. Abbiamo solo un mese di tempo per poterlo vedere stampato con il vostro supporto.

Visitate il link e fate un’opera di bene regalandovi ore di calde e vive letture in quest’umido autunno che incede.

La tazza di tè o caffè bollente sarà a vostra discrezione. Grazie a tutti, comunque e sempre.