Stabat Mater Dolorosa

In questa giornata nella quale il silenzio e la tristezza regnano tipicamente sovrane, il mio pensiero non va solo a Maria, donna per eccellenza del Sabato Santo.

Quest’anno il pensiero, la preghiera e le lacrime, necessarie o eventuali, non possono che essere per tutti quelli che hanno salito il calvario dell’impietoso coronavirus.

Silenzio e preghiera per tutte quelle vittime che sono morte sole, esattamente come Gesù crocifisso. Si potrebbe obiettare che si muore sempre soli, ma le circostanze, in numero e gravità, fanno una grande differenza. L’uomo anela all’oblio: dimentica in fretta, più che può, soprattutto quello che ha procurato sofferenza. Oggi mediterò e pregherò per queste vittime e i loro famigliari, forzatamente allontanati.

Voglio confidare nella speranza che tutto questo male possa portare frutto, e sognerò che questo avvenga quando tutto sarà finito. Il seme del doloroso ricordo e del cambiamento interiore è già stato gettato tra zolle di vita innaffiate di pianto. Dovremo tutti fare memoria e tradurre questa esperienza in atti concreti in futuro. Oggi silenzio.

Bisogna trasformare in gioia tutto quello che la felicità ci rifiuta. […] vorrei soprattutto che tu avessi il minimo di calma per poter essere sofferenza alla sofferenza, speranza alla speranza. Dobbiamo inventare un nuovo tipo di presenza, simile a quella che ci è stata propria per molti mesi, in un clima di totale insicurezza. Tutto questo sarà più facile di quanto non si creda, nel corso delle giornate. Insieme dovremo rendere belle le ore che ci saranno date. Camminando per strada, poco fa, ho cercato di far gioire il mio cuore. Non è stato difficile. Mi è bastato pensare…che ogni sofferenza assunta in Cristo perde la sua disperazione, la sua stessa negatività.

(Emmanuel Mounier, Lettere sul dolore, pag. 50)

 

Nelle tenebre

Stare nelle tenebre. Questo è il momento. Gesu_muore_in_Croce

Perdersi nel nulla della nostra pochezza, inettitudine, pusillanimità, cattiveria, egoismo, ed ingiustizia. Ancora oggi siamo come Pilato, continuiamo a lavarci le mani e seguire la massa. E facciamo ancor di più: siamo anestetizzati nei confronti del dolore, della vergogna e della rabbia che dovrebbe inondarci e spingerci a reagire. Cuori muti davanti ai nuovi schermi tecnologici: ipnotizzati.

Seguire la nuova massa: un senso di appartenenza meramente umano che ingannevolmente ci infonde una vana sicurezza. Approfittiamo del buio per capire i nostri limiti e chi siamo nel profondo. Quando usciremo dalle tenebre e saremo nella luce, vedremo chiaramente la strada che è meglio percorrere.

Ero uscito di casa per saziarmi di sole!
Trovai un uomo nello strazio della crocifissione.
Mi fermai e gli dissi:
“Permetti che io ti aiuti a staccarti dalla croce?”
Ma lui rispose: “Lasciami dove sono;
lascia i chiodi nelle mie mani e nei miei piedi,
le spine intorno al mio capo e la lancia nel mio cuore.
Io dalla croce non scendo
fino a quando i miei fratelli restano crocifissi;
io dalla croce non scendo
fino a quando non si uniranno tutti gli uomini della terra.
Gli dissi allora:” Cosa vuoi che io faccia per te? ”
Mi rispose: “Va per il mondo e dì
a coloro che incontrerai
che c’è un uomo inchiodato sulla croce”.

(Un uomo in croce – Fulton J. Sheen)

 

Questa Pasqua…

Questa Pasqua non può essere triste anche se tutt’attorno i tempi tremano. Non può esserlo come ogni anno, perché dopo tanto dolore, sotto un’altra forma, c’è un respiro di speranza. Si sa, c’è la croce, ma poi c’è la Resurrezione, che alla fine è la Pasqua: rappresenta il senso ultimo e profondo di tutto questo sofferto calvario. Anche nostro.

Eppure sembra a volte la festa delle uova di cioccolato, o delle gita fuori porta. Si mangia la colomba ma si evitano i riti del triduo, venerdì santo in particolare. Come se potesse esserci la Resurrezione senza la morte. Leggevo ieri un interessante libro intitolato Come andremo a finire? che altro non è che una rilettura della “fine del mondo” alla luce delle sacre scritture. Sono diversi i temi trattati in questo testo ma ciò che mi ha colpito, e che da tempo già pensavo per i fatti miei, è il sottolineare come, in questa società moderna dell’immagine, venga rimossa anche la morte. O meglio, viene rimossa dalle nostre case e dalle nostre vite. Non puoi rimuoverla dalla televisione e dai telegiornali; anzi lì sembrano quasi doverosi i programmi di approfondimento per i vari omicidi spettacolarizzati, tanto è un qualcosa che riguarda sempre gli altri e più saggio sembra vivere come se non esistesse o comunque non ci tocca e non c’interessa.

Carpe diem recita il motto caro al gruppo dei Dead Poets’ Society. È certamente giusto ma non dimentichiamoci che la vita non è puro edonismo ed egoismo. La nostra vita vera è solo Luce. Tutto qui. E la Pasqua c’insegna.

 

Come augurio per voi, da pag. 42 di Dies Natalis e il mio amatissimo Caravaggio.

 

Sabato Santo

Addomesticami Morte

dell’animo apri tutte le porte

portami via lontano

su su in alto

nel palmo della Sua mano.