Un Natale che è la fine del mondo

falsa fine del mondoMartedì, 18 Dicembre 2012.

Persone dis-informate sui fatti ritengono che ci restano solo tre giorni alla fine del mondo programmata dai Maya: il 21 dicembre 2012. La situazione è talmente sconvolgente che c’è chi preferisce non pensarci e far finta di niente. Oppure, per molti la psicosi è tale che, sentendosi così profondamente influenzati, preferiscono cercare di fare tutto ciò che possono e che è importante per loro, prima di quest’ora fatidica.

E se a questa data aggiungessimo invece ancora quattro giorni di vita e pensassimo ad un giorno pieno, luminoso e significativo? Una festività che merita di venir celebrata con dovizia di attenzioni e ogni sorta di riflessioni su cosa significa questa ricorrenza nella nostra vita odierna. Questa vita così pregna di preoccupazioni, disvalori e catastrofi, naturali e non. Tutta questa inquietudine, desolazione e distopia che ci annientano fin dal profondo, e che potrebbero offuscare a tal punto la nostra mente e il nostro cuore, da farci perdere la strada verso il bene. Brancoliamo spesso in questa fitta nebbia che porta il nome di egoismo allo stato puro, con tutti i frutti che questo male dell’anima comporta. E se cambiassimo punto di vista? E provassimo seriamente a fare silenzio come i pastori in un presepe, rapiti ed estasiati solamente dall’arrivo di una presenza luminosa, in grado di toccare il loro cuore? E anche il nostro, per sanarci e rinnovarci per davvero, fin dal profondo. Se, invece di farci incantare dal chiassoso chiacchiericcio su catastrofi mondiali senza speranza, imparassimo a guardare di più al nostro prossimo, al nostro spirito? E se innescassimo un passaparola sulla rivoluzione positiva del cuore, che sarebbe in grado di trasformarci interiormente, per iniziare a cambiare e migliorare sul serio il mondo?

Questo sarebbe il grande avvenimento. Altro che fine del mondo. E se proprio di mondo si deve trattare, lasciare il mondo vecchiobassorilievo-pastori-presepe per il nuovo, il male per il bene. Lotta infinita, ma non senza speranza. Immergersi nella luce calda e calma dell’amore di Dio. L’inizio di un nuovo mondo. Non è difficile: basta crederci singolarmente e poi collettivamente. Come i pastori, una comunità in cammino fermamente convinta del loro tragitto sconosciuto, eppure necessario. Noi come loro: proseguire il cammino con un animo pieno di fede e non solo con la mente. Conoscere intimamente dove si va, perché si va, e sapere che è unico ed essenziale chi e cosa si troverà, lasciandosi guidare dalla forza del divino. Questa era la loro certezza, e un grande esempio per guarirci dal nostro smarrimento collettivo e non solo.

Quest’anno non mi basta dire Buon Natale: Buon Agire e Buon Pensare. Fondamentale.

Detto questo, detto tutto…

…scrisse il poeta alla madre in occasione del Natale.

E sono davvero parole di poeta quelle racchiuse nel libro che raccoglie le lettere di Natale alla madre di Rainer Maria Rilke. Lo sono perché intramontabili, perciò attualissime e profonde.

Come si fa a fare silenzio nel proprio cuore? A costruire un presepio nel proprio cuore? Cos’è e cosa rappresenta il silenzio e il presepio oggi, 23 dicembre 2011, nelle nostre famiglie, nei nostri giorni caotici e convulsi? Quali sono le emergenze personali e sociali? Quanto siamo consapevoli dei problemi incombenti? E quanto ci spaventano insieme all’insicurezza dilagante?

E con queste domande si potrebbe continuare all’infinito per ricordarci che, per grazia di Dio, esiste

quell’intimissima sapienza della grazia per la quale nessun tempo è troppo pregno di fatalità e nessuna angoscia è tanto serrata che essa non sappia al tempo suo – che non è il nostro! – entrare e penetrare con la sua mite vittoria quanto sembrava insuperabile  

Luce e manifestazione della Luce della quale forse ci siamo dimenticati: abbiamo smarrito da tempo ormai il significato profondo di questa nascita che ha cambiato il mondo e che dovrebbe cambiare i nostri cuori ogni anno e, per estensione interiore, ogni giorno. Ma il tempo è giunto a compimento: siamo talmente nelle tenebre che non possiamo che anelare a questa Luce, alla Sua Luce. Per salvarci davvero e una volta per tutte perché

questa però è la notte della profondità spalancata e radiosa.

Auguri a tutti, di cuore.

Lettera di Natale – Rilke