Recensione su Ramingo!

Chiedo venia per il ritardo nel postare questa recensione. Mi ha fatto molto piacere leggerla e la condivido con voi lettori del blog. Se siete anche lettoricavallaro_ luce e fiamma delle mie poesie, potrete commentare nell’apposito spazio.

Un ringraziamento particolare a Mendes Biondo per il tempo speso e l’attenzione prestata al mio libro.

Luce e fiamma di Cinzia Luigia Cavallaro, pubblicata dalla Leone Editore, è una raccolta di poesie che mette al centro del proprio poetare il tema della speranza, qui fenomenizzata nella figura della luce e che va alla ricerca di un io più profondo, di una spiritualità che sia più sincera rispetto a quella generalmente espressa dalla normale preghiera.

Si potrebbe definire un breviario in versi, quello composto dalla poetessa, che cerca disperatamente di ancorarsi ad una certezza ultraterrena, ad un fondamento che sia ulteriore rispetto a quello che possiamo trovare in questa vita. Di fronte al crollo di tutte le certezze ecco che l’interesse nei confronti della fede diviene salvezza e al contempo punto di partenza per una vita nuova, per un vivere più intenso e più profondo, per un esistere più consapevole giorno dopo giorno.

Di fronte alle grandi avventure del tempo e della cronaca mondana, la ricerca di uno spirito che sia ulteriore, garantisce una certezza che trasuda dai versi della Cavallaro e che appare come familiare e presente in ogni istante della propria vita. Sono i momenti in cui questo scompare e lascia che la poetessa vaghi con le sue gambe nel grande mondo, che forniscono la maggiore ispirazione e che dettano le parole con maggiore forza, quasi si trattasse di un richiamo, di una richiesta di salvezza di fronte alla quale nemmeno il lettore può restare indifferente.

Un invito alla riflessione in formato mignon, capace di strapparci almeno per un istante dalla quotidianità e di farci soffermare su problemi che trascendono le nostre capacità cognitive.

Amelia Rosselli

Ho acquistato Antologia poetica di Amelia Rosselli alla libreria Bocca a Milano, in Galleria Vittorio Emanuele, nella primavera del 1996. Non la conoscevo allora come poetessa ma, dopo la notizia della sua morte, mi incuriosii e trovai solo questo libro che lessi con interesse. Subito trovai delle cose che ci accomunavano, prima fra tutte la sua attività di traduttrice dall’inglese.

È stata certamente una figura particolare nel panorama poetico e letterario della sua epoca. Mi ha affascinato subito il suo amore per la musica e la sua poetica, che è stata indubbiamente influenzata da questa sua formazione anche musicale. Inquietante la sua storia e soprattutto la sua morte, che tutti conosciamo.

In esergo al mio ultimo libro di poesie, Luce e fiamma, ho scelto alcuni suoi flaming_june_by_fredrick_lord_leightonversi, insieme ad uno stralcio di poesia di Cesare Pavese. Nella sua sofferenza interiore, ben identificabile nei suoi scritti, intravedeva una luce, degli sprazzi di illuminazione che alleviavano il suo male di vivere, lo stesso di Pavese.

Una luce e una fiamma che ardeva nel suo intimo e che ritengo sia di un’attualità quasi sconcertante. Mi sovviene la bellicosità moderna, su più fronti e in molti ambiti, insieme allo smarrimento dell’animo umano.

…se dall’amore della disciplina nascesse
il passo del soldato che non vince ma si ritira senza
colpo ferire. Se dalla luce si sprigionasse un nuovo
sole fiammeggiante d’amore e di silenzi…

Luce e fiamma

cavallaro_ luce e fiammaÈ in libreria la mia nuova raccolta poetica. È intitolata Luce e fiamma.

La luce e la fiamma, come spiego nell’introduzione, sono alla fine il dritto e il rovescio della stessa medaglia. E, come ben introdotto nella prefazione di Michele Delpiano, in questa raccolta è forte la spinta spirituale, la ricerca interiore di una consapevolezza originaria, ma spesso non riconosciuta. In breve, la luce e la fiamma si fondono, così come nella nostra condizione spirituale e carnale al contempo. Ho scelto di mettere in esergo versi di Amelia Rosselli e Cesare Pavese, due figure significative della mia adolescenza e giovinezza.

Vi segnalo Luce e fiamma: sprazzi di luce, a tratti algidi e in altri impetuosi, che mi auguro possano illuminarvi e suscitare in voi riflessione, incanto e disincanto.

Infine, come ben descritto sulla pagina web di Leone Editore, la raccolta ha come filo conduttore l’amore in senso lato e il dolore riconoscibile e condivisibile in realtà antiche e moderne.

Presente in libreria e ordinabile sulle principali piattaforme librarie.

Nell’invitarvi a guardare il booktrailer, vi ringrazio per il tempo che mi avete dedicato.