Questa Pasqua…

Questa Pasqua non può essere triste anche se tutt’attorno i tempi tremano. Non può esserlo come ogni anno, perché dopo tanto dolore, sotto un’altra forma, c’è un respiro di speranza. Si sa, c’è la croce, ma poi c’è la Resurrezione, che alla fine è la Pasqua: rappresenta il senso ultimo e profondo di tutto questo sofferto calvario. Anche nostro.

Eppure sembra a volte la festa delle uova di cioccolato, o delle gita fuori porta. Si mangia la colomba ma si evitano i riti del triduo, venerdì santo in particolare. Come se potesse esserci la Resurrezione senza la morte. Leggevo ieri un interessante libro intitolato Come andremo a finire? che altro non è che una rilettura della “fine del mondo” alla luce delle sacre scritture. Sono diversi i temi trattati in questo testo ma ciò che mi ha colpito, e che da tempo già pensavo per i fatti miei, è il sottolineare come, in questa società moderna dell’immagine, venga rimossa anche la morte. O meglio, viene rimossa dalle nostre case e dalle nostre vite. Non puoi rimuoverla dalla televisione e dai telegiornali; anzi lì sembrano quasi doverosi i programmi di approfondimento per i vari omicidi spettacolarizzati, tanto è un qualcosa che riguarda sempre gli altri e più saggio sembra vivere come se non esistesse o comunque non ci tocca e non c’interessa.

Carpe diem recita il motto caro al gruppo dei Dead Poets’ Society. È certamente giusto ma non dimentichiamoci che la vita non è puro edonismo ed egoismo. La nostra vita vera è solo Luce. Tutto qui. E la Pasqua c’insegna.

 

Come augurio per voi, da pag. 42 di Dies Natalis e il mio amatissimo Caravaggio.

 

Sabato Santo

Addomesticami Morte

dell’animo apri tutte le porte

portami via lontano

su su in alto

nel palmo della Sua mano.

La morte della Vergine

Vorrei inaugurare questa sezione con un breve articolo riguardante il quadro di Caravaggio La morte della vergine che ho scelto come copertina del mio libro.

In molti mi hanno chiesto perché io ho scelto proprio un tale quadro. Va detto che quello che vedete nel tondo della copertina è solo un dettaglio di una tela molto più complessa e di grandi dimensioni commissionata a Caravaggio nel 1601. Il quadro era certamente a tema con la raccolta poetica stessa e soprattutto, come in tutti i quadri di questo pittore, il gioco delle ombre e delle luci è fondamentale. Bisogna rammentare che il titolo della raccolta poetica è appunto Dies Natalis. Un giorno denso di ombra come quello della morte terrena che si trasforma in un trionfo di luce per la resurrezione che ci aspetta.

Il quadro poi ha delle connotazioni affascinanti e controverse, come quasi tutti i suoi quadri, del resto. Il pittore ha usato come modella per raffigurare la vergine una prostituta sua amica annegata nel Tevere. Fu uno scandalo, ma tuttavia il quadro suscitò un interesse tale da parte del panorama artistico e intellettuale del tempo che fu esposto al pubblico dopo pressione di tutti i pittori di Roma.

Va aggiunto che questo fu l’ultimo dipinto eseguito da Caravaggio a Roma. Dopo il rifiuto e lo scandalo suscitato, fu acquistato dai Gonzaga dietro consiglio di Rubens.

La scena totale della tela, dominata da un drappeggio rosso sangue, suscita un’impressione di estrema miseria e di toccante commozione. Gli apostoli piangenti si stringono intorno al lettuccio di Maria, assecondando la diagonale di luce che filtra da sinistra verso destra, conclusa con la figura rannicchiata della Maddalena.

E questo dettaglio ho proprio voluto scegliere nel tondo della mia copertina.