Distopia. Reportage poetico sullo sfacelo italiano

Dovete secondo me almeno prendere in seria considerazione l’

Idea di leggere questo e-book che è

Scaricabile gratuitamente qui. Ma ciò che più importa è che voi lo leggete e

Tempestivamente lo diffondete, regalate, condividete, ne parlate

Oppure nulla fate ma almeno

Pensate al significato profondo di questa parola

Inquietante se considerate che si tratta di una realtà

Anche nostra, troppo vera e tristemente attuale.

 

Alla base di questi versi c’è la denuncia di una realtà italiana avvertita come dolorosa e oppressiva e la sollecitazione costruttiva a porvi rimedio attraverso l’esercizio della ragionevolezza.

Cerchiamo anche di avere un barlume di speranza ma continuiamo ad essere attenti e vigili e a non essere pessimisti, a non ripiegarci in noi stessi: un altro mondo è possibile!

Il concetto di distopia è presente in due libri: ho amato Brave New World quando lo lessi a Londra negli anni ‘80 e il romanzo 1984 di Orwell che fu argomento di tesina in quarta superiore. Per contro, questa è un’antologia poetica dove non manca una sezione di versi antichi e sempre nuovi che vale la pena di leggere e/o rileggere.

È importante mantenersi vigili e disincantati, cercando d’intervenire nella realtà con occhio critico e atteggiamento positivo. Un grazie a Michele Delpiano, ideatore e realizzatore di questo progetto.

Leggete le nostre poesie e diffondete questa antologia!

 

Indignati? Di più!

È con piacere che in questo articolo vi parlo di una nuova antologia poetica nata dall’idea di Gianmario Lucini e pubblicata dalla Edizioni CFR nella collana Épos dedicata alla poesia politica e sociale. Ho avuto l’onore e il piacere di partecipare con la mia poesia “Governi moderni” ed ora ve la illustrerò meglio.

Le poesie raccolte in questa antologia collettiva intitolata La giusta collera sono unla-giusta-collera segno che anche gli artisti giocano la loro parte nella denuncia e nell’impegno sociale con le loro parole e, in questo caso specifico, con i loro versi. Ed infatti abbiamo voluto essere precisi nella scelta della parola chiave del titolo e di tutta l’antologia. Non abbiamo scelto indignazione, termine ormai inflazionato, ma collera. Ci sono però ragioni più pertinenti dovute ai significati delle parole stesse: indignazione sottende il venir meno della considerazione, mentre collera comunica ben altro, molta più energia. Collera: cioè essere arrabbiati con determinazione. Nella prefazione poi vi è una lunga digressione sul significato di queste pagine e sulle nostre scelte poetiche e stilistiche.

L’antologia è facilmente ordinabile mettendosi in contatto con la casa editrice a questo link diretto. Verranno poi organizzate man mano presentazioni in varie località e non mancherò di tenervi informati sui vari eventi. Per ora la prossima data sarà il 16 dicembre a Rovello Porro e tutte le informazioni le potete trovare nella locandina scaricabile alla fine dell’articolo.

Confido nella vostra presenza fisica alle presentazioni e spero che tanti decidano di leggere le nostre poesie acquistando il libro.

Scarica la locandina

Sono tutto ciò che vedi attraverso i tuoi occhi

La nostra raccolta di racconti costa poco più di un pacchetto di sigarette, con la differenza che il fumo fa male mentre i nostri racconti fanno bene. Fanno bene anche quelli che decidono di sostenerci scaricandone una copia. Noi saremo loro immensamente grati e loro saranno allietati da racconti eterogenei, attualissimi e tutti con un collegamento ai social network. Se ci aiutate potranno poi diventare un’antologia su carta che avrete la possibilità di regalare o consigliare in libreria. Abbiamo solo un mese di tempo per poterlo vedere stampato con il vostro supporto.

Visitate il link e fate un’opera di bene regalandovi ore di calde e vive letture in quest’umido autunno che incede.

La tazza di tè o caffè bollente sarà a vostra discrezione. Grazie a tutti, comunque e sempre.