Fahrenheit 451 Lettura scenica

Scatole di fiammiferi che vengono ripetutamente accesi e nello sfondo una metropoli di notte con il rumore della pioggia. Realtà distopica, ma solo apparentemente lontana, perché su molti punti è di una disarmante attualità. Al centro i libri, minaccia rivoluzionaria che, pertanto, vanno eliminati, bruciati da pompieri che paradossalmente si trasformano in piromani. Gli allarmi si susseguono ogni notte e, in una società iper veloce e consumistica, si cerca di lobotizzare i cittadini intrattenendoli davanti a schermi giganti quanto le pareti di una stanza.

In scena presso l’Auditorium della Biblioteca Civica di Vimercate e nell’ambito di Vimercate Festival, a cura dell’Associazione Teatrale Pontos Teatro con Alessandro Pazzi e Lilli Valcepina, insieme ad altri attori,  è stato notevolmente convicente l’interpretazione di Fahreneiheit 451 tratto dal romanzo distopico di Ray Bradbury e proposto dall’omonima Associazione Culturale F451 Amici della Biblioteca.

La storia è ormai conosciuta ai più, soprattutto a chi i libri li ama e li rispetta. In questa lettura scenica non sono riuscita a distrami un solo secondo e, ad un certo punto, quando mischiati tra il pubblico le voci recitanti si palesavano a turno come i libri imparati a memoria e dunque salvati, mi è salito un vero e proprio moto di commozione.

Un’esperienza teatrale unica nel suo genere che non solo vale la pena di vedere, ma che merita la giusta attenzione e diffusione. Auguro molta fortuna a questo adattamento teatrale, emozionante e vero, che mi piacerebbe rivedere ancora. I brani scelti sono stati molto accattivanti e suggestivi; l’impianto scenico alquanto scarno, è riuscito a rendere bene l’inquietante ambientazione  fino alla scena finale che, con un caldo ed inaspettato effetto luminoso, annuncia una nuova alba.

L’interpretazione di ogni singolo attore coinvolto ha avuto la capacità di scuotere interiormente lo spettatore. Tutto bello dall’inizio alla fine. Davvero bravi.

L’arminuta: lettura scenica del romanzo

Una lettura scenica molto coinvolgente, emozionante e ben strutturata che è stata rappresentata sabato 11 maggio presso l’Auditorium della Biblioteca Civica di Vimercate. Organizzata e curata, nell’ambito degli Aperitivi Letterari da Fahrenheit 451 Amici della Biblioteca e messa in scena dalla compagnia teatrale Oltre il Teatro.
Tutti noi, in toto o in parte, possiamo riconoscerci e siamo stati, poco o tanto, come L’Arminuta. Una persona, prima ancora di essere una figlia, inserita in una storia che trascende il rapporto specifico con la figura materna e gli equilibri famigliari in genere, come la sorellanza in primis. In questa lettura scenica, a turno, tutti gli attori della compagnia Oltre il Teatro hanno dato voce alla protagonista; proprio perché tutti noi possiamo riconoscerci nel sentimento dell’allontanamento, dell’abbandono, dello smarrimento, della faticosa ricerca d’identità.
Nello specifico, è stato fatto anche un ottimo lavoro di scelta dei brani letti; tant’è che, chi non aveva letto il romanzo, riusciva perfettamente a riscostruire la storia nei suoi snodi narrativi principali. Vanno elogiati però gli attori per essere stati in grado di suscitare commozione e coinvolgimento, muovendosi nello spazio scenico, agendo e dando davvero corpo alle parole asciutte e luminose con le quali la scrittrice è riuscita ad entrare nell’intimo del lettore, consegnando una storia indimenticabile e piena di spunti di riflessione sulla veridicità e l’autenticità dei rapporti umani.
Bravi. Da vedere.

Metti una sera d’estate…

IMG-20150627-WA0002Metti una sera d’estate nella cornice poetica di una cascina d’altri tempi, un gruppo di attori dilettanti e motivati, a recitare La giara di Pirandello.

Scontato? Per nulla. In un silenzioso luogo antico e magico, scenario naturale da valorizzare, si può meditare, sorridere e ridere di sentimenti e pensieri sempre attuali.

In tempi di Expo e di tante parole spese sullo sviluppo sostenibile, si può (e si deve) tornare alle nostre radici quando la solidarietà era normale e ricordarci di cosa non si poteva arrivare a dire e a fare per salvare una giara, indispensabile per contenere il prezioso olio. Puro, genuino, a chilometro ed impatto zero.

Ritengo che sia stato lodevole lo spettacolo teatrale proposto nell’ambito della rassegna Arte e artigianato d’autore,10491193_855246217882574_4794667023961994719_n organizzato nella Cascina Zuccone Rubasacco di Tregasio, in Brianza.

La poesia connaturale dell’antico luogo, unico e magico, unita all’impegno di giovanissimi protagonisti, mi ha positivamente costretta a ricordarmi da dove veniamo, per fare attenzione a dove siamo diretti, sia in termini di stili di vita che di valori da recuperare e salvaguardare. Il luogo di per sé ci dona calma, silenzio, natura e preziosa serenità. L’atteggiamento delle persone hanno fatto la differenza, soprattutto quella degli artisti ed artigiani presenti con le loro opere.

Jesus Christ Superstar

jesus-christ-superstarQuarant’anni. Tanto ho dovuto aspettare affinché il mio sogno di vedere Jesus Christ Superstar a teatro si potesse avverare. All’epoca ascoltavo il vinile, LP 33 giri. Preistoria.

Forse è stato meglio così. Ho avuto modo di rendermi conto meglio dell’attualità e della bellezza di questo musical.

È intramontabile la potenza della musica rock, alternata a pezzi di pura poesia, con le note e le parole:

The end…
Is just a little harder when brought about by friends
For all you care this wine could be my blood
For all you care this bread could be my body
The end! […]

In questa particolare edizione, sono state saggiamente e sapientemente utilizzate le moderne tecnologie per attualizzare e contestualizzare la storia. È stata di forte impatto, emotivo e morale, la galleria di fotografie che scorreva in background nella scena della flagellazione. In ugual misura, sebbene di diverso tenore, la girandola di giullare con il contorno di mascherine, ha reso sempre (e purtroppo) attuale l’esperienza della beffa e dell’immoralità. La satanica assurdità dell’inganno è espressa pienamente da Giuda. Non nella scena dell’impiccagione, ma in quell’urlo devastante, che scuote dentro, mentre lui si trova solo nel Getsemani.

Riguardo al Superstar, Maria Maddalena e Pilato, al di là dell’emozione di vederli sul palco in carne ed ossa come quarant’anni fa, penso che le voci di Ted Neeley, Yvonne Elliman e Barry Dennen siano addirittura migliorate negli anni. Non hanno perso il carisma e lo smalto, regalandoci un’interpretazione magistrale, alla faccia dell’età. Pleonastico aggiungere che altrettanto meritevoli sono tutti gli altri cantanti, orchestrali e ballerini. In particolare questi ultimi, indossavano abiti di scena in perfetto stile anni ’70, e mi hanno fatto pensare e ricordare la mia adolescenza.

Inevitabile il parallelo, e quindi anche il confronto, con una generazione in un tempo storico ricco di contraddizioni ma anche di fermenti positivi di ogni genere, che è stata comunque capace di sviluppare progetti creativi e propositivi in ogni ambito. E gli adolescenti di oggi, nativi digitali, un po’ allo sbando, in un’epoca ugualmente piena di contraddizioni, ma il loro atteggiamento è decisamente più passivo. Si muovono in un contesto storico-sociale peggiore, che li bombarda di modelli opinabili. Malati di tecnologia e non solo, sfuggono occasioni di crescita, creatività e sana socialità. Anche per colpa nostra.

Festeggiano Halloween senza neppure capirne l’inutilità e la connotazione negativa, mentre ieri sera, 31 ottobre appunto, il Teatro degli Arcimboldi, principalmente gremito di over 50, in una standing ovation finale di dieci minuti, applaudiva, cantava, ballava, si emozionava. Esattamente come quarant’anni fa.