Intervista al poeta Michele Delpiano

Oggi vi voglio presentare Michele Delpiano, mio amico di lettere e non solo. Un ragazzo pieno di talento, energie, progetti. Ma ciò che di più va apprezzato è la sua poesia che, buon per me, è entrata nella mia vita. In questa intervista avrete modo di conoscerlo meglio e approfondire poi con la lettura delle sue raccolte poetiche e visitando il suo sito.

 

Noi abbiamo avuto modo di conoscerci di persona. Ti chiedo di illustrare brevemente ai miei lettori chi sei e cosa fai.

 Innanzitutto saluto te e i lettori del tuo interessante blog che seguo con ammirazione e curiosità. Chi sono davvero non lo so ancora. Ma so di chiamarmi Michele Delpiano e di amare la Poesia nella sua forma scritta e nella sua sostanza viva, so che scrivo poesie, leggo poesie e romanzi, amo Dio e di conseguenza dovrei amare le persone, ma faccio fatica ad amarne molte.

 

 

Quando hai iniziato a scrivere e quanto è importante la poesia nella tua vita?

 

La mia storia d’amore con Madame Poesia comincia a diciannove anni. Fino ad allora non amavo altro al di fuori del divertimento. I libri per me non erano ancora persone ma solo noiosi ammassi di carta e inchiostro. Ho sempre prediletto le materie umanistiche – per le quali ero sicuramente portato – rispetto a quelle scientifiche ma non le ho mai amate. Studiavo per la promozione a scuola. Poi a 19 anni mi innamoro del poeta Dino Campana conosciuto attraverso il film Un viaggio chiamato amore in cui è narrata la storia d’amore tra Campana e la scrittrice Sibilla Aleramo. Dall’ossessione per le poesie di Campana è nato l’amore per la Poesia.  Mi hai chiesto poi quanto è importante la poesia nella tua vita? È come se io ti chiedessi quanto è importante per te la vista, la parola, il pane? La Poesia è assolutamente indispensabile, scorre nei miei vasi linfatici, è parte di me e condiziona la mia vita. E’ per questo che la mia prima raccolta di poesie si intitola “Penso in versi” , a testimoniare che la Poesia è presente nelle molecole organiche del mio corpo.

 

Fin dalla tua raccolta Apologia edita nel 2008, ho avuto modo di apprezzare versi moderni con uno stile antico, penso ad esempio ad un sonetto perfetto come A me piace vivere ogni tempo lento: come norme consolidate da una tradizione che il poeta sceglie di applicare di volta in volta: hanno ancora senso oggi?

 

Ogni stile ha sempre senso poiché la poesia dà al poeta la possibilità di muoversi entro numerose strade, quelle che gli sono più congeniali, che si confanno più alla sua creatività e ai suoi temi. Il caso che hai citato di Apologia è emblematico. Ancora oggi io muto continuamente stile ma in quel periodo di circa un anno in cui ho dato alla luce Apologia mi sono concentrato su una riflessione intorno all’autenticità della poesia, alla sua importanza nella realtà contemporanea, ai temi e ai valori dei quali dovesse essere divulgatrice. Ho trovato le mie risposte nella poesia antica, quella bucolica latina in cui avevano importanza elementi come la natura, la famiglia, l’amore. Ho tradotto questa mia “scoperta” in poesia scegliendo uno stile che avesse una parvenza di antico ma che non si relegasse totalmente nel passato. Lo stile era cioè asservito al tema: stile antichizzato per contenuto antico e, aggiungerei, sacro. Al di là da questo esempio, guardando anche le direzioni su cui si muovono i poeti oggi, penso che sia valido qualsiasi stile purché sia il più idoneo al poeta e alla sua poetica.

 

Le tue Poesie in andante-allegro si aprono con un aforisma di Sant’Agostino: hai amato anche tu, come me, le Confessioni? Come mai questa scelta?

 

Non sono partito da Sant’Agostino ma da Francesco Petrarca che è poi il poeta a cui dedico la prima poesia di questa raccolta. E non è un caso. La lettura dell’Ascesa al Monte Ventoso di Petrarca ha scaturito in me una serie di riflessioni intorno al rapporto dell’uomo con il proprio cuore al centro del quale – almeno per i credenti – dovrebbe esserci Dio. Le questioni erano quindi molteplici: mi chiedevo se scavassi a fondo nel mio cuore, se lo conoscevo a perfezione, se c’era Dio, e, in caso affermativo, quale Dio ci fosse, quale rapporto avessi con Dio. In altre parole le dicotomie sulle quali riflettere erano apparenza-realtà, introspezione-indifferenza, fede-ateismo, fede assoluta e sincera – tentennamenti. Così mi sono concentrato sulle mie stanze interiori alla ricerca di risposte e di equilibrio.

 

Nella medesima raccolta, edita nel 2010 con lulu.com, si legge nella quarta di copertina: sarò del mio cuore il giornalista – sarò del mio cuore l’animatore; spiegaci cosa intendi e illustraci meglio questa tua silloge.

 

Quelle riflessioni di cui ti stavo parlando prima mi hanno portato a farmi giornalista del mio cuore, ad analizzare cioè con occhio critico – per quanto possibile! – ogni minima frazione di me stesso. Così si sviluppa la raccolta in cui metto a nudo di fronte a tutti le mie colpe e le mie debolezze reali – tornando indietro non so se lo rifarei! – così da conoscermi e farmi conoscere interamente. Notando che si nascondevano dentro di me parecchie paure, dubbi, rimorsi, tristezze, sono giunto alla conclusione che la felicità non potevo trovarla all’esterno ma dentro di me – continuando quindi sulla linea agostiniana – facendo pulizia di tutto quello che creava disagio interiore. Per cui nessuno sarebbe potuto essere il mio animatore se non io stesso. E questo avrei potuto farlo non da solo ma con la mano di Dio che ho riconosciuto dentro di me e che era soffocato dal male che avevo ingoiato, che ci ingoia e che ingoiamo.

 

Passiamo ora alla tua ultima fatica: la raccolta poetica Quote. Nel componimento che apre questa raccolta si parla di Poesia, con la lettera maiuscola: è forse questo il filo conduttore della tua ultima silloge? Ovvero, se dovessi fare un invito alla lettura, come la descriveresti?

 

Proprio così: Quote ha come protagonista la Poesia che in questa silloge subisce una rinascita: ci sarà la creazione di una nuova realtà poetica, idilliaca e edenica.

 

Perché hai definito i tuoi versi apocalittici?

 

Apocalittici per più motivi. In primis: il tema di base della raccolta è l’apocalisse letteraria, in cui ogni falso poeta con le sue false poesie abbandona per sempre questo mondo mentre il poeta “superstite” è investito del compito di ricreare la Poesia, una nuova Poesia per un nuovo Mondo. In secundis: lo stile è apocalittico in quanto lontano dal contemporaneo, quasi incomprensibile poiché non è altro che un continuum di intrecci metaforici e catene di analogie da analizzare verso per verso, parola per parola. Questo si collega fortemente alla prima motivazione: la Rivelazione deve essere interpretata, come – oserei – le Sacre Scritture.

 

Perché hai scelto di auto-pubblicarti? È stata un’esperienza positiva?

 

È stata una scelta che reputavo indispensabile per affacciarsi sul mondo letterario. È noto che nessun editore pubblica un poeta esordiente senza contributo (chiamiamolo così); per cui mi sembrava normale pagarmi la pubblicazione almeno per il mio primo libro. Col senno di poi, non lo rifarei considerato che allo stato attuale nessun editore è disposto a pubblicare poesie a proprie spese. Tornando indietro, pubblicherei anche le mie prime raccolte di poesie con un auto-pubblicazione on line evitando spese inutili. La poesia non è merce, non lo è mai stata: Carmina non dant panem. Per cui meglio pubblicare in formato elettronico, si raggiungono più persone e non si fa il gioco degli editori a pagamento.

 

So che sei stato l’ideatore e il curatore, nonché realizzatore, di un’antologia poetica in formato e-book che intendi diffondere: vuoi parlarci meglio di questo tuo progetto?

 

Si intitola “Distopia. Reportage poetico sullo sfacelo italiano”. Ho raccolto poesie contemporanee e poesie di autori classici che si muovessero tra la distopia e l’utopia avendo lo sguardo rivolto sempre verso la realtà a loro contemporanea. È una raccolta in download gratuito dal sito http://antologiadistopia.jimdo.com. Lo scopo è quello di divulgare mediante il potente strumento della poesia il secolare processo di incivilimento dell’umanità, di prendere parte alla protesta contro tale incivilimento, di collaborare con le forze storiche alla realizzazione dell’utopia di miglioramento della società e di debellazione del cancro distopico che sta divorando famelico il mondo presente.

 

Che tipo di poesia prediligi?

 

Amo la Poesia in tutte le sue varianti. Non c’è uno stile o un contenuto da preferire poiché ogni poesia è autentica e viene da dentro. Per cui va rispettata e amata.

 

Ho letto nel tuo curriculum che hai vinto molti premi letterari: sono importanti per i poeti? cosa pensi di quelli italiani?

 

Ho ricevuto dei premi ma il loro valore reale lo ignoro. Tuttavia considero importante la partecipazione ai concorsi perché anche se la poesia non è un concorso di per sé, il premio letterario è di sprono ad andare avanti, a capire che si sta facendo bene, a farsi forza. Si scrive per se stessi ma poi c’è l’umano bisogno di essere apprezzati dagli altri per la propria creazione. Odio da tempo i premi letterari a pagamento, che prevedono cioè una quota di iscrizione. Il loro unico scopo è il lucro e sono ben lontani dal senso intimo della Poesia.

 

È difficile essere poeti oggi?

 

Non è proprio una passeggiata. Da poeta posso certamente affermare di non sentirmi sempre in grado di reggere il “peso” che questo stupendo epiteto comporta. La prosa del quotidiano e dell’incivilimento a volte sembra invincibile e il poeta deve armarsi sempre più di dosi maggiori di forza interiore per poter sopravvivere. Si è poeti non per scelta ma per elezione. La Poesia chiama, impartisce ordini, ti governa. Ma è un governo dolce, piacevole anche se spesso doloroso.

 

Che cosa rende poetico il tuo destino e il tuo linguaggio?

 

Il senso dell’amore, della speranza, della luce tra le tenebre. Sono uno che crede nell’amore ma che non riesce ancora ad improntare ogni suo istante sull’amore. Attraverso un’autocritica personale mi reso conto che la mia poesia contiene sempre un barlume di speranza, speranza per me e per gli altri. Io vedo la luce sempre, in ogni situazione, in ogni caverna, in ogni pozzo. Sono in fondo una persona positiva ma molto  riflessiva, per questo penso che la Poesia mi abbia chiamato nel suo esercito. Nutrire speranza significa amare, amare significa attaccamento alla vita. Finché questo cuore continuerà a battere, vivrò per vivere e per infondere speranza e amore.

 

Esiste una lunga attesa nella poesia, il momento di sospensione: sei d’accordo? quali sono i segreti della tua ispirazione? Dove s’incontrano le Muse oggi?

 

La Poesia nasce silenziosa ma non nasce nel silenzio, ha bisogno di caos interiore poiché si nutre delle passioni, dei sentimenti, delle emozioni, dei tormenti. Non c’è poesia dove c’è silenzio. Tu vivi intensamente e improvvisamente anche dopo un po’ di tempo lei ti fa capolino e sbuca sul tuo foglio. Non mi siedo quasi mai a tavolino per scrivere poesie ma avverto le doglie solo qualche istante prima del parto. La sento nascere dentro di me improvvisamente ma sono certo che Lei silenziosamente si è data da fare in qualche angolo della mia anima. Non ho bisogno di andare chissà dove, di girare il mondo o di chiudermi nella mia stanza. Lei è dentro, è Lei che viene da me.

 

Scrivi anche narrativa? E in caso affermativo: hai qualche progetto particolare che stai sviluppando?

 

La narrativa è anche poesia, un’altra forma di poesia. Personalmente mi sento più portato per la scrittura in versi, malgrado il mio linguaggio e il mio stile a quasi dieci anni dalla mia prima poesia siano ancora in continua evoluzione. Sto, però, sperimentando anche la forma narrativa. In particolare, da tre anni sono impegnato nella stesura di un romanzo la cui forma iniziale è quasi del tutto scomparsa. La storia si è modificata parecchio e si muta tutt’oggi. Spero comunque di terminare questa storia nella sua forma definitiva entro quest’anno. Sarà come leggere le mie poesie poiché ci sono molti spunti autobiografici. C’è la vita vissuta, la mia e quella delle persone che mi hanno circondato e che mi circondano, c’è il racconto delle miserie dell’uomo, del suo bisogno degli altri, del suo rapporto con gli altri e con Dio, c’è l’amore, l’amicizia, la libertà.

 

 

Molte sono le cose in comune, primo fra tutti l’e-book Distopia, antologia poetica collettiva, che lui si è impegnato a realizzare. Poi, lo vorrei ringraziare pubblicamente per il book-trailer del mio romanzo e la videopoesia tratta da Dies Natalis che potete vedere qui a lato. E un ringraziamento speciale per avermi concesso questa intervista.

L’intervista di Marco Mazzanti

Ringrazio Marco Mazzanti, autore di Demetrio dai capelli verdi che ho qui davanti sulla scrivania e che presto leggerò, che mi ha gentilmente intervistato:

1 – Chi è Cinzia Cavallaro?
Una donna cinquantenne innamorata della poesia, della lettura e della scrittura dalla gioventù. A seguire la musica, l’arte, il cinema e il teatro. Una donna che non può vivere senza la scrittura e neppure può vivere di scrittura.

2 – Cinzia Cavallaro, autrice di narrativa col romanzo Sogno Amaranto. Presentiamolo ai lettori in dieci parole.
La storia di due anime innamorate, entrambe luminose e tenebrose.

3 – Il tuo rapporto con la scrittura e i tuoi personaggi.
La scrittura è parte di me stessa e una necessità quasi fisica, oltre che psicologica. Per la scrittura poetica non c’è problema, per quella narrativa è più complesso riuscire a conciliare gli impegni inevitabili della vita quotidiana con il tempo da dedicare alla scrittura. I personaggi invece si formano da soli prima nella mia mente, attraverso l’osservazione della realtà esterna e il mio vissuto, solo dopo vengono trasferiti sulla carta collocandoli in una storia ben precisa.

4 – C’è un personaggio del tuo romanzo cui sei particolarmente affezionata?
A dire il vero entrambi i personaggi della mia storia mi sono cari, così opposti ma così vicini, è praticamente impossibile disgiungerli.


5 – Sogno Amaranto. Sogno. Amaranto. La dimensione del sogno, dell’io narrante che ci guida e ci smarrisce al contempo; e poi questo colore, l’amaranto, rosso di transito, quasi improprio, che è anche essere del mondo vegetale. Com’è nato questo romanzo? Parliamo della sua genesi. Parliamone a tutto tondo.

La sua genesi, come ben si evince dalla lettura del testo stesso, è stata una canzone dell’album Fly di Zucchero: la canzone s’intitola è delicato ma nel testo vi è un passaggio dove viene richiamato “un sogno amaranto”. È talmente intenso questo passaggio che Zucchero stesso nel suo sito ha chiarito il concetto di questo verso. Essendo la spiegazione un po’ lunga, chi vuole approfondire può leggere tutto il post sul mio sito a questo link diretto: http://www.cinziacavallaro.it/sogno-amaranto/

Certo amaranto ha più significati che tutti ben si collegano con il mio romanzo: una pianta sacra il cui nome significa “che non appassisce”: l’erba meraviglia che esprime tutti i sentimenti veri immutabili nel tempo, eterni e unici, come i due protagonisti del mio libro; l’amaranto è il mio colore preferito da sempre; è addirittura un alimento, un tipo di grano preziosissimo e quindi il nutrimento fisico è associabile nel testo al nutrimento sentimentale. Il tutto unito al sogno che si esprime in una scrittura onirica e poetica. Questo per quanto riguarda le premesse. Infine, posso aggiungere che la valenza è data dalla descrizione disincantata di una storia d’amore moderna, sia romantica che inesorabile. Segnata dal rosso sentimentale e passionale dell’amaranto ed edificata dalla necessità del sogno nella nostra vita, così come nella storia da me scritta.

6 – La scrittura intesa non solo come dimensione narrativa, ma anche poetica, e tu Cinzia hai, oltre al romanzo, la poesia: Kairos e Dies Natalis

Sono due raccolte, figlie e dunque sorelle, opposte ma congiunte, nate a tre anni di distanza l’una dall’altra. In Kairos il tema conduttore è l’amore e il senso della qualità di un tempo eletto: il presente; in Dies Natalis invece il filo conduttore è la morte intesa come nuova vita, dunque con una valenza luminosa, insieme al senso della qualità di un tempo nuovo: l’eternità. Ecco che vengono espresse in due raccolte apparentemente diverse il binomio “Eros e Thanatos” esattamente come esso ha preso vita in Sogno amaranto.

7 – Poesia e prosa. Due specchi che si riflettono l’uno nell’altro, all’infinito, o due modalità di scrittura inconciliabili? Qual è il tuo approccio?
Mi corrisponde senza alcun dubbio la prima possibilità. Mi piace la prosa poetica ma prediligo la poesia breve, lirica ed evocativa. Rimane il fatto che per quanto mi riguarda cambia la forma, ma la sostanza rimane sempre la stessa: poesia e prosa, sorelle, gemelle diverse.

8 – In Italia si legge poco, ma di contro si scrive tanto. Luogo comune o triste quanto paradossale realtà?
Guardando le statistiche sembra che sia in effetti così. È certamente una realtà piuttosto paradossale e non so come si possa arrivare ad un processo di scrittura serio e maturo senza passare prima dalla lettura onnivora ed ingente. Secondo me, chi non fa questo non si prende sul serio come scrittore, gioca a fare lo scrittore. Le due cose sono inscindibili e in questo senso confido nelle nuove generazioni. Ho postato sul mio blog tempo fa una lettera di un editore ai nuovi autori memore di una scena alla quale assistetti personalmente al Salone del Libro di Torino. Mi piacerebbe avere anche la tua opinione e se vuoi leggerla si trova qui: http://www.wordsinprogress.it/2010/02/lettera-aperta-agli-autori-esordienti/

9 – Progetti in campo?
Ho partecipato a due antologie collettive appena pubblicate: una di racconti intitolata Sono tutto ciò che vedi attraverso i tuoi occhi e una poetica: La giusta collera; sto lavorando a una mia personale nuova raccolta poetica e ad un romanzo, totalmente differente dal precedente come argomento ma certamente non come stile.

Link originale: http://blog.libero.it/deminovel/10864692.html

Intervista su Dies Natalis e non solo…

Dopo aver recensito il mio libro di poesie Dies Natalis, ringrazio Lorenzo Spurio che mi ha invitato a rispondere ad un’intervista che trovate qui di seguito. È stata pubblicata su Blogletteratura e Cultura   e mi auguro vi possa interessare.

 

LS: Come dobbiamo interpretare il titolo che hai scelto per la tua opera?

CC: Il titolo si rifà all’idea cristiana della nascita nella Luce, in Cristo, il giorno della morte; per i santi, ma anche per tutti i credenti che morendo lasciano sulla terra il corpo (con cui si ricongiungerà alla fine dei tempi) mentre l’anima nasce a vita nuova nel Cielo, con Dio. E’ per questo che viene scelto il giorno della morte per ricordare i santi riferiti nel calendario.  In verità, le mie liriche spaziano in modo molto libero sul tema della morte, ma l’idea centrale di essa come resurrezione nella luce è il filo conduttore di tutta la raccolta poetica.

LS: Un autore negherà quasi sempre che quanto ha riportato nel suo testo ha un riferimento diretto alla sua esistenza ma, in realtà, la verità è l’opposto. C’è sempre molto di autobiografico in un testo ma, al di la di ciò, il recensionista non deve soffermarsi troppo su un’analisi di questo tipo perché risulterebbe per finire fuorviante e semplicistica. Quanto c’è di autobiografico nel tuo libro? Sei dell’idea che la letteratura sia un modo semplice ed efficace per raccontare storie degli altri e storie di sé stessi?

CC: Inizio dalla fine, dunque dalla seconda domanda, confermando di essere della tua stessa idea anche perché negherei l’ovvio, nel senso che anche se uno scrittore raccontasse una storia a lui totalmente estranea e completamente inventata metterebbe comunque il suo vissuto inconscio, pertanto autore e storia non si possono mai scindere completamente. In poesia le cose funzionano un po’ diversamente in quanto, non essendo uno scritto lungo e con un impianto narrativo ben preciso, è la totale osmosi con il mondo visto attraverso lo sguardo del poeta che parla, perciò è pleonastico dire che c’è tutto del poeta nei suoi versi. Riguardo a Dies Natalis c’è tutto di autobiografico perché le poesie ricordano persone scomparse a me care oppure i versi parl ano totalmente di me.

LS: Quali sono i tuoi autori preferiti? Quali sono le tendenze, le correnti italiane e straniere e i generi letterari che più ti affascinano? Perché?

CC: Sono tanti, svariati ed antichi. Sono cresciuta con gli autori del novecento e la mia prima e fondamentale formazione sì rifà all’adolescenza e alla gioventù, perciò i poeti che ha dato l’imprinting in poesia sono stati gli ermetici Ungaretti e Quasimodo piuttosto che Montale e Cardarelli. Poi ho proseguito con altri generi e spaziato in letterature straniere ma tutto è iniziato da lì. Ho amato Dante come Shakespeare anche perché è stato materia di studio all’università. E negli ultimi anni mi sono sentita molto attratta dai versi di Alda Merini e di Wislawa Szymborska.  Lo stesso in modo speculare vale per la narrativa: ho divorato Cassola, Pavese e Buzzati da quindicenne per poi seguire man mano i maggiori autori dei decenni successivi. Ugualmente ho dovuto e voluto leggere letteratura inglese e qui, a parte Oscar Wilde, David Lawrence e William Golding amo di più la letteratura femminile partendo dalle sorelle Brontë per finire con Doris Lessing, con tutto quello che ci sta in mezzo.

LS: So che rispondere a questa domanda sarà molto difficile. Qual’è il libro che di più ami in assoluto? Perché? Quali sono gli aspetti che ti affascinano?

CC: È piuttosto curioso dirti che, quasi come segno del destino, il libro che ho amato di più è Cime tempestose di Emily Brontë che scoprii e divorai a quattordici anni di nascosto dai miei genitori. La copia del libro era in casa ma la scoprii solo a quell’età; i miei genitori non ritenevano che io la potessi ancora leggere ed evidentemente il senso del proibito ha acuito ancor di più la curiosità. Di fatto è stata un’assoluta folgorazione che mi ha fatto capire cos’era un romanzo dalla struttura complessa con una storia così unica. Mi ha affascinato il fatto che i sentimenti descritti fossero così forti e reali tanto che la natura umana è stata completamente eviscerata esattamente così com’è con una narrazione poetica ed intensa; assolutame nte realistica sebbene intrisa di sogno e di mistero. Insomma, lo ritengo un capolavoro che ha avuto la capacità di far nascere in me il desiderio di scrivere. Sul versante poetico è un po’ difficile fare una scelta assoluta, ma se proprio lo devo fare opto sicuramente per Alda Merini.

LS: Quali autori hanno contribuito maggiormente a formare il tuo stile? Quali autori ami di più?

CC: Non sei il primo che mi pone questa domanda e posso dirti che essendo una lettrice onnivora e versatile non riesco davvero ad identificare uno o più autori che possono aver contribuito in modo reale a formare il mio stile. Quando scrivo non ho in mente il libro di un altro che ho già letto, ho in mente un lettore ideale al quale voglio raccontare una storia unica narrata con parole completamente mie. Quindi io credo che bisogna distinguere il proprio stile dagli autori più amati: se scrivi veramente gli autori che hai più amato sono presenti nella tua formazione ma non come autori da emulare.

LS: Collabori o hai collaborato con qualche persona nel processo di scrittura? Che cosa ne pensi delle scritture a quattro mani?

CC: Non ho mai collaborato con nessuno ed è un’esperienza che mi manca. Avevo un progetto di questo tipo ma è rimasto in fase embrionale anche perché c’è una distanza fisica piuttosto importante con l’altro autore e poi perché sono molto impegnata con la scrittura di un mio testo che voglio concludere quanto prima. Devo dire che la cosa mi affascina molto ma la lascio tranquilla, almeno per ora.

LS: A che tipo di lettori credi sia principalmente adatta la tua opera?

CC: Penso che le poesie di Dies Natalis siano adatte a tutti i lettori adulti amanti della poesia contemporanea. Diverso è il romanzo che ha avuto maggiori riscontri dalle lettrici, anche se alcuni lettori maschi mi hanno inviato feedback del tutto positivi. 

LS: Cosa pensi dell’odierno universo dell’editoria italiana? Come ti sei trovata con la casa editrice che ha pubblicato il tuo lavoro?

CC: Niente da dire con l’editore che mi ha proposto di pubblicare le poesie nella collana Plaquette diretta da Giulio Maffii. Ricordo ancora la mia felicità mista a stupore quando lessi la sua proposta via mail. Il Foglio Letterario è un editore che, insieme a molti altri sulla stessa linea, non possono che essere considerati una benedizione per gli autori che vogliono dare alle stampe le loro opere.

LS: Pensi che i premi, concorsi letterari e corsi di scrittura creativa siano importanti per la formazione dello scrittore contemporaneo?

CC: Tutto concorre a formare e arricchire il percorso di un autore. Peccato che i premi non siano tutti così trasparenti, le opere concorrenti tante e non tutte forse lette con la dovuta calma e attenzione, le tasse di scrittura quasi sempre richieste e non so quanto realmente necessarie. Sullo stesso binario i corsi di scrittura dei quali esistono molte forme e che bisogna poi scegliere con attenzione. Una base è importante ma, alla fine, è la necessità quasi compulsiva della scrittura e la scoperta della propria personale voce che devono avere la meglio e, in questo senso, non c’è corso di scrittura creativa che tenga.

LS: Quanto è importante il rapporto e il confronto con gli altri autori?

CC: Importantissimo e per me vitale. Mi dispiace che io riesca a gestirli solo in modo virtuale per mancanza di tempo ed anche che, alcune volte, raccolgo deludenti esperienze di infantile invidia che francamente non concepisco. Se si è tranquilli nella propria arte non può che esserci dialettica, scambio e vicendevole arricchimento.

LS: Il processo di scrittura, oltre a inglobare, quasi inconsciamente, motivi autobiografici, si configura come la ripresa di temi e tecniche già utilizzate precedentemente da altri scrittori. C’è spesso, dietro certe scene o certe immagini che vengono evocate, riferimenti alla letteratura colta quasi da far pensare che l’autore abbia impiegato il pastiche riprendendo una materia nota e celebre, rivisitandola, adattandola e riscrivendola secondo la propria prospettiva e i propri intendimenti. Che cosa ne pensi di questa componente intertestuale caratteristica del testo letterario?

CC: È noto che scrivere è sempre un po’ riscrivere, non nel senso che si rimaneggiano testi altrui già noti, ma piuttosto perché tutto quanto è stato letto rimane nella mente e in qualche modo si ricollega a quello che si andrà a scrivere. Questo non è un pensiero nuovo ma che ritengo del tutto condivisibile, tant’è che, per citarne uno solamente, l’amato Cesare Pavese della mia gioventù, ha affermato: “Leggendo non cerchiamo idee nuove, ma pensieri già da noi pensati, che acquistano sulla pagina un suggello di conferma”. Il passo successivo può diventare la nostra scrittura.

LS: Hai in cantiere nuovi lavori e progetti per il futuro? Puoi anticiparci qualcosa?

CC: Sto lavorando al mio nuovo romanzo intervallato da racconti quando sento l’esigenza di scriverne. Nel frattempo mi tiene compagnia la mia quasi quotidiana scrittura poetica che mi piacerebbe proporre per una nuova raccolta. Il tutto non sarà nell’immediato.

La mia intervista su Mondoeditoriale

INTERVISTA SU MONDOEDITORIALE A CURA DI ALICE MAURI

Emozioni e passioni vibranti raccontate con una scrittura lirica, capace di dire ed evocare con intensità l’universo che vuole raccontare.

Questo è Sogno Amaranto.

Ne abbiamo parlato con l’autrice, Cinzia Cavallaro in questa intervista che vi proponiamo.

1. Sogno amaranto e’ il tuo esordio narrativo, dopo la pubblicazione di due raccolte di poesie. C’è moltissimo, nella tua prosa, delle vibrazioni e dell’intensità della poesia. Come hai vissuto il passaggio dalla poesia alla narrativa e cosa dell’una ritieni di aver portato nell’altra?

In verità la scrittura narrativa è sempre stata presente nella mia vita insieme alla scrittura poetica, semplicemente non ho mai provato ad editare prima i miei testi di narrativa. Quindi, per rispondere alla tua domanda, non c’è stato un vero e proprio passaggio dall’una all’altra, in quanto entrambe mi hanno sempre interessato. Certo è che, durante la stesura del romanzo, la concentrazione era massima su quel testo ed anche i testi poetici scritti in quel periodo sono stati molto minori. Nel contempo penso che il senso poetico sia stato espresso con naturalezza nelle pagine del mio romanzo. è una cosa difficile da spiegare ma, pur rispettando le regole sintattiche della prosa, io penso, e quindi scrivo, con una mentalità poetica; va da sé che le descrizioni e i pensieri siano spesso intrisi di un mio personale lirismo interiore che non mi abbandona.

2. Luce, tenebre e crepuscolo: questa tripartizione del romanzo corrisponde ad una caleidoscopica narrazione sul tema dell’amore, in cui due diversi sguardi – e modi di intendere se’ e l’altro – si contrappongono fino al limite dell’incomunicabilità, eppure in un costante richiamo ed eco reciproco. Credi davvero che l’amore possa essere una cosi’ potente forma (e forza) di indagine e conoscenza?

L’amore in senso assoluto è la forza della vita e quindi nulla è impossibile ad un sentimento così. Nel romanzo la contrapposizione, a volte fin troppo stridente e in alcuni passaggi volutamente un po’ sopra le righe, tra l’amore e l’egoismo, tra la luce e l’ombra, è servita da stratagemma per sottolineare come tutti noi siamo intrisi sia dell’uno che dell’altro. in più, molto spesso, nella società moderna il modo di vivere i sentimenti è superficiale e vuoto di contenuti ma, se si desse fiducia al cuore umano, tutto potrebbe cambiare. vengono ben eviscerati e scandagliati i dubbi, i dolori, le paure, le pulsioni e i desideri dei due protagonisti che si trovano a dover passare al setaccio tutto il loro vissuto sentimentale e umano in cerca di chiarimenti: in questo senso, nel bene e nel male, l’amore rappresenta il propulsore interiore che li spinge a trovare risposte, volutamente o meno, sia per se stessi individualmente che per l’altro.

3. L’amore che racconti in Sogno amaranto è un amore fortemente intriso di sensualità: quanto credi sia importante la ricerca delle parole quando, come nel tuo romanzo, il sesso diventa una componente centrale della narrazione? E quali ritieni siano i pericoli e le insidie in agguato sulla strada di chi scrive e descrive il sesso?

Pericoli e insidie su questo argomento ce ne sono fin troppi perché è un terreno al giorno d’oggi molto battuto, ma anche molto scivoloso, soprattutto se l’argomento viene trattato in un romanzo che non sia né erotico né pornografico come il mio. C’è di base il grosso pericolo di venir fraintesi e di non comprendere invece che è stato volutamente inserito nella storia narrata per elevarla. È stato un passo inevitabile affrontare questo argomento perché mi premeva sottolineare, ancora una volta, come molto spesso nella nostra società molte relazioni vengano improntate solo su quello e non su una visione più completa della storia d’amore, che ha aspetti ben più rilevanti soprattutto sentimentali, spirituali e di coscienza. Ti ringrazio di questa domanda perché mi permette di fare chiarezza sul senso profondo del romanzo.

4. Hai trascorso alcuni anni della tua vita in Inghilterra, e proprio in Inghilterra hai deciso di ambientare il tuo romanzo. Quali sono le ragioni di questa scelta e in che modo l’ambientazione ha influito sul tuo modo di costruire la narrazione e di delineare i personaggi?

Una ragione pratica in quanto la città di Londra la conosco bene; e proprio perché so com’è, cioè una città brulicante di vita ma al contempo ombrosa, ho ritenuto che si prestasse molto bene all’ambientazione di una storia così piena di ombre e luci. Va anche detto però che il romanzo è principalmente un viaggio interiore, un romanzo intimistico; pertanto Londra c’è ma è presente in modo minimalista rispetto a tutto il vissuto narrato nella storia.

5. Ci piace chiudere questa intervista con una domanda sulle tue letture: quale libro credi abbia avuto un ruolo fondamentale nella tua formazione (di donna, prima ancora che di scrittrice)? E qual e’ l’ultimo libro che hai letto e ti ha appassionato?

Ricordo con molta forza e con un impatto emotivo notevole Il quinto figlio, di Doris Lessing, autrice che ho divorato in lingua originale mentre vivevo e studiavo a Londra. Certo sono molti i testi che potrei citare, ma dovendone scegliere solo uno metto questo come capofila.
Al momento sto leggendo poca narrativa, sia per ragioni di tempo che di salute devo scegliere con molta attenzione ciò che voglio leggere. In questo periodo preferisco saggi che mi aiutino nel mio percorso personale e libri sulla scrittura creativa che mi diano spunti per migliorarmi.
Ho riletto con molto piacere le Lezioni americane di Italo Calvino e gli ultimi testi inediti di Alda Merini raccolti nel nuovo libro Eternamente vivo del quale ho apprezzato anche il dvd allegato. Chi mi segue sul mio blog www.wordsinprogress.it già lo sa perché ho pubblicato un articolo su questo insieme ad altre recensioni di letture per me significative.
Infine, l’ultimo testo di narrativa che ho letto è stato La solitudine dei numeri primi, narrazione dalla struttura e dallo stile indubbiamente molto accattivante

Ecco qui il link diretto alla mia intervista appena pubblicata da Alice Mauri su Mondoeditoriale.

I commenti sono sempre ben accetti.