Il prezzo della libertà

È meglio la peggiore delle democrazie della migliore di tutte le dittature. (Sandro Pertini)

Si festeggerà la liberazione e la libertà anche quest’anno cantando, per chi lo vorrà, quasi sicuramente dai balconi. Per fare memoria. Ricordarci di come non è stato semplice arrivare a tutto ciò. Uomini e donne impegnati in prima linea che hanno pagato un prezzo altissimo. Chi ce l’ha fatta nonostante la lotta e la paura, ma anche chi non ce l’ha fatta, evidentemente pagando con la vita.

Pagine tristissime che alcuni evitano di ricordare perché è troppo doloroso, come per esempio per gli eccidi, le fucilazioni, le torture, le violenze sulle donne in generale, partigiane in particolare. E chi, cancellando un periodo storico fondamentale, non vuole che sia fatta memoria. E invece dobbiamo ricordare tutto, anche e soprattutto l’indicibile.

Non ho letto moltissimo su questo fatto storico perché ho avuto la fortuna, io la reputo tale, di aver avuto dei nonni e dei genitori che la cronaca me l’hanno raccontata di persona. Ho apprezzato giusto qualche film e alcuni libri su degli accadimenti particolari.

Ma il senso ultimo di tutto quello che accadrà oggi, giorno in cui siamo tuttora limitati nei nostri spostamenti, è maggiormente importante per fare memoria.  Celebrare una libertà conquistata dopo la guerra che tutti sappiamo e che non vogliamo più incontrare di nuovo. Pazienza per chi vuol sminuire e magari annullare questa ricorrenza.

Tutto ciò che è stato non potrà cadere nell’oblio perché non vogliamo dimenticarlo noi, uomini e donne innamorati della democrazia e della libertà, e anche perché certe pagine di storia non si ripetano più. Mai più.

La fotografia esprime una duplice valenza: la speranza di tornare a festeggiare baciandoci e abbracciandoci di nuovo, ma anche la trasmissione dei valori alle generazioni future. Lo devo ai miei nonni e ai miei genitori.

Buon 25 aprile a tutti!

Emicrania e guerra

Un’emicrania mattutina
insignificante
non paralizza
una giornata di Liberazione
il ricordo
dei racconti materni
nonne incanutite
che descrivono
la paura e il dolore
scolpite nella mente
indelebili segni
di ingiustizia, assurdo
patire e morire.

Sono morti
non dimentichiamolo
per una libertà
ormai scontata.
Quasi dovuta.
Non è così
lo sappiamo bene
ce lo ricorda
la storia
né antica né moderna
ce lo ricorda
l’assurdo
odio umano
il delirio di onnipotenza
la fame di potere cieco
l’ottusità del cuore
la mente offuscata
da un ego incandescente.

Un’emicrania mattutina
in una giornata
calda e solare
e che sarà mai
in confronto
al terrore, al dolore
di bambini
che sono andati avanti e oltre
generando noi.
Non possiamo
permetterci l’idiozia
ingiusta e sciocca
dell’oblio.

Un’emicrania mattutina
che esplode come una
bomba a tradimento
peggiora il ricordo
di tutti i nomi
e cognomi
occhi mani sorrisi
speranze, intenzioni
finite sotto terra
senza colpa
senza infamia.

E fa ancora più male.