La custode di mia sorella

Anche se stai per morire, puoi uscire per ventiquattrore dall’ospedale e trascorrere una giornata al mare con la tua famiglia ed essere pronta alla partenza definitiva. Godere della bellezza del mondo sapendo che tutto verrà lasciato per una vita migliore.

 

A volte si feriscono le persone che si hanno al proprio fianco anche se non le si abbandona. E vedere la sofferenza che distrugge lentamente un corpo e un’interiorità ci ricorda che quella terrena non è la nostra condizione perfetta. Quasi perfetto invece è l’amore umano che ci regala l’elevazione dello spirito, se sinceramente nasce da questo moto interiore che ci conduce verso il trascendente. E puoi essere ad un passo dal cielo e puoi ancor meglio amare. Anche con il corpo in disfacimento e la malattia che ti distrugge dal di dentro. Ma non è lei la padrona, diciamoci la verità. Scegliamo noi alla fine quando e come andare, anche se dispiaciuti di lasciare persone, cose e la Vita, preziosa.

 

Ma è solo un’illusione. Il nostro vero mondo è altrove in una perfetta condizione di beatitudine infinita.

 

8 commenti su “La custode di mia sorella

    • Io ne ho la certezza anche se non sono ancora morta. Le esperienze di morte di persone care mi hanno portato a questo. Un abbraccio. Ti voglio bene.

      • L’unica certezza è la vita, nel bene e nel male, perchè è solo vita. Ho visto persone morire, mia madre morire. L’ultimo respiro, attendere quello successivo, nel silenzio, chissà se arriverà, no… è passato troppo tempo. Non arriverà. Tutto il resto non mi appartiene. os

    • Per me il contrario, attendo il libro richiesto in biblioteca per questa settimana. Ti consiglio comunque il film che è molto commovente e realistico. Ho visitato il sito della scrittrice che contatterò sicuramente dopo aver letto il libro. Grazie sempre per condividere i tuoi pensieri qui con me.

    • Ho imparato che nulla accade a caso nella vita e tutto ha un senso: anche, e forse soprattutto, le esperienze più assurde, difficili e dolorose. Grazie di essere passata di qui!

Lascia un commento